I baresi centrano la nona vittoria nelle ultime 11 gare, settima di fila. Sfida scorbutica contro Campobasso, decisa nel rush finale.

1782 di 1787

BARI. La Chimica D’Agostino guadagna il settimo successo consecutivo e vola con la testa ai playoff. Dopo un primo quarto encomiabile (concluso sul +14), coach Bray richiama in panchina Sardano (top-scorer con 23 punti) e l’inerzia del match si capovolge. Dopo soli 5’ i molisani si portano sul -6 (27-21), per poi rimettere in discussione il risultato con Abet (31-30 al 20’). I baresi rientrano più determinati dopo l’intervallo, allargando nuovamente la forbice a suon di triple con Perrucci, Conti e soprattutto Sardano (ancora +14 al 25’30). Alcune decisioni arbitrali discutibili agevolano la rimonta degli uomini di Anzini, che con l’instancabile (e contestatissimo) Di Viesto riducono il gap fino al 57-53. Implacabili dalla lunetta, nel finale i cussini chiudono virtualmente le ostilità con Cancellieri, che insacca il 70-65 nel momento più delicato della partita. CHIMICA D’AGOSTINO CUS BARI: Bruni 2, Perrucci 4, Sardano 23, Grimaldi 8, Ciocca 8, Conti 17, Dragojevic 2, Cancellieri 9, Scoccimarro 4; n.e.: De Feo. All. Bray. GEOTEC CAMPOBASSO: Vullo, Abet 10, Sabatucci 3, Pellegrini 11, Attianese 10, Di Viesto 21, Jablonski 2, Diedhiou 11; n.e.: Libertucci, Martini. All. Anzini. ARBITRI: Mustaro e Rossetti di Pisa. PARZIALI: 23-9; 31-30; 56-46; 77-68.

Mirko Cafaro

This article was written by Cus Bari